Trapianti: in un gene la nuova arma contro il rigetto

LA TERAPIA GENICA ANTIRIGETTO: un virus vagamente simile al virus del raffreddore è stato completamente svuotato del suo patrimonio genetico e al suo interno è stato introdotto il gene che produce la proteina indicata con la sigla CTLA4Ig, capace di ridurre l'attivazione del sistema immunitario. In questo modo il virus è diventato il veicolo attraverso il quale introdurre nel nuovo organo la proteina che sa tenere a bada il sistema immunitario. Un lavoro, questo, che si deve a Mauro Giacca, del Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologie (ICGEB) di Trieste. Senza essere aggressivo, il virus-navetta conserva la capacità di penetrare all'interno delle cellule, ma anziché infettarle (come avrebbe fatto in condizioni normali), rilascia in esse il genefarmaco, che agisce sulle difese immunitarie solo localmente. Vale a dire che il sistema immunitario non riesce ad aggredire il nuovo organo, pur rimanendo perfettamente efficiente nel resto dell'organismo.


ANSA.it 18 maggio 2006: "Trapianti: in un gene la nuova arma conto il rigetto" 

Go back

ICGEB Sede

AREA di Ricerca
Padriciano 99
34149 Trieste
ITALIA
Tel: +39-040-37571
Fax: +39-040-226555
icgebicgeb.org
Indirizzi

 

tl_files/iTunes_Badge_Color_master_10251024.png

 


tl_files/FB.png
 tl_files/Twitter_logo_blue-1def.png tl_files/rss.png
tl_files/LinkedIn-InBug-2CRev2.png tl_files/YouTube.png